Il miracolo dell’eternità

da | 20 Settembre 2021

Sulla narrazione che diamo di presente passato e futuro.
La storia mi appassiona e non ho mai accettato la narrazione che veniva propagandata della storia dell’umanità, funzionale ad affermare che i nostri tempi presenti sono l’avanguardia e progresso.

Credere che il progresso sia l’omino con doppia mascherina ( qualche anno fa avrei detto l’omino in giacca cravatta) con la sua religione fondata sulla superstizione materialistica ed i suoi dogmi è semplicemente ridicolo, ma non approfondirò l’aspetto esoterico di ciò in questo testo.

La narrazione dell’evoluzione dell’umanità che siamo in grado di percepire e accogliere è relativa al nostro livello di coscienza e si riflette in quello che è il nostro percorso evolutivo individuale.

Quello che vediamo nello spazio tempo è un’immagine di noi stessi.

Riscoprire il passato, coltivare la visione del futuro, non deve essere una guerra contro il presente, ma una celebrazione delle forze che nel presente sono attive o pronte ad agire per elevarci.

Il lavoro su di sé non è mai teso a cambiare, ma a celebrare ed arrivare a vedere l’aspetto invisibile e simbolico degli eventi. VEDERE QUELLO CHE E’. La mente lineare ad un certo punto implode, la risposta è sovramentale.

La visione o la concezione storica che abbiamo del passato e del futuro fornisce un’immagine della nostra visione del presente.

La visione o la concezione storica che abbiamo del passato e del presente fornisce un’immagine della nostra visione del futuro.

La visione o concezione storica che abbiamo del presente e del futuro fornisce un’immagine della nostra visione del passato.

Passato, presente e futuro sono tutti eternamente QUI per compiere il miracolo dell’eternità.

Riapprendiamo a sognare, a vedere l’invisibile, a ricordare che c’è molto oltre il velo del visibile. La magia tornerà ad essere cosa di questo mondo per l’umanità intera.

Paolo Serioli

Musicista, costellatore, terapeuta e costruttore di strumenti musicali rituali. Il suo percorso attinge dalle tradizioni sciamaniche, dalla tradizione esoterica occidentale, la danza Sufi e l’esperienza musicale.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Seguimi su Facebook

Altro dal Blog

Le restrizioni e la presenza

Le restrizioni e la presenza

Libertà è essere fedeli a sé stessi, alla parte più pura e intatta di noi, ciò che è oltre lo spazio tempo. Stamattina mi sono svegliato...